Oli e burri biologici secondo Andrea Parodi

Si può dire che in natura non esiste organismo vivente privo di componenti lipidici (nella letteratura scientifica i componenti dei grassi vengono anche indicati con il nome di “lipidi” dal greco Lipos = grasso).
Oli, Burri, Grassi sono sinonimi per indicare la stessa cosa: la componente lipidica di un organismo. In realtà dovrebbe essere definito “grasso o burro “ un prodotto solido e “olio” un prodotto fluido, entrambi a “temperatura ambiente”. Questa distinzione soffre dell’incertezza della definizione di temperatura ambiente in quanto “grasso o burro” a una certa latitudine può essere “olio” in un’altra.

Oli e grassi di caratteristiche chimico-fisiche fra loro differenti possono essere prodotti in grandissimo numero, praticamente quante sono le specie vegetali e animali per le quali si possa ipotizzare un recupero di termini economici.
Per nostra comodità chiameremo oli vegetali quei grassi che a temperatura ambiente (19°C) si trovano ancora allo stato liquido e “burri” quei grassi che si trovano invece allo stato “solido”.
Gli oli e burri vegetali si possono definire “miscele di trigliceridi misti”. Questa definizione tiene conto del 90-98% della materia totale che costituisce un grasso; il rimanente 2-10%, a volte anche di più, è costituito da una complessa miscela di sostanze designate come componenti minori ma il cui interesse biologico, tecnologico e analitico è tutt’altro che minore (frazione in saponificabile, fitosteroli, alcoli triterpenici, alcoli alifatici, vitamine etc etc).
Per questo motivo possiamo affermare che non esistono due oli che si possono definire uguali.

Nutra 03 (Copia)

Oli puri al 100%

La nostra azienda Parodi Nutra è interessata unicamente a produrre oli e burri appartenenti al regno vegetale. Essi sono custoditi all’interno dei semi (talora nella polpa) delle piante.
Nella società che esalta il benessere fisico e la magrezza, il termine “grasso” risulta stonare ma al contrario gli acidi grassi (contenuti per la maggior parte nei lipidi=oli=burri) sono uno dei pilastri della nostra salute essendo componenti principali delle membrane di tutte le celulle del nostro corpo.
Da qualche tempo ormai gli oli e i burri vegetali stanno tornando alla ribalta, in tutti i settori, specialmente nel settore del benessere dove grandi e piccole aziende stanno utilizzando sempre di più gli oli e i burri per le formulazioni dei loro prodotti finiti.
Gli Oli di Parodi Nutra sono puri al 100%. Il punto fondamentale, nostro vanto, è l’estrazione dell’olio che deve avvenire con metodi fisici meccanici, come la spremitura a freddo. Ci sono diversi metodi di estrazione a freddo e numerosi macchinari che possono venire utilizzati a seconda della % di olio contenuto nei semi. Più un seme è ricco d’olio meno difficoltoso risulterà estrarne il suo contenuto. Per gli oli non sottoposti a raffinazione o deodorazione è importante procedere alla filtrazione su carta per evitare fenomeni di ossidazione (laddove non vengono separate le impurità dall’olio è possibile che ci siano fenomeni di degrado chimico – fisico).

La maggior parte degli oli vegetali in commercio si ottiene invece con estrazione a solvente per cui sarà indispensabile procedere a processi di raffinazione per omologare e migliorare le prestazioni tecniche degli oli stessi.
Molte volte, se gli oli non sono propriamente raffinati, si degradano più velocemente.
Tutti gli oli vegetali che produciamo sono sottoposti a numerosi controlli di qualità per verificarne il contenuto di acidi grassi e componenti minori. I nostri prodotti sono garantiti dall’esperienza di Parodi Nutra.

Nutra 05 (Copia)

Oli garantiti

L’eccellenza e la sicurezza dei nostri oli dipendono da vari fattori:

Purezza – Per essere puro l’olio deve corrispondere alle specifiche di legge
Naturalezza – L’olio naturale non è sintetico o minerale
Specificità – I nostri oli hanno un’esatta identificazione della specie botanica
Struttura – I nostri oli sono catalogati mediante schede tecniche e supportati da ricerche bibliografiche che ne identificano la struttura chimica

Qui di seguito vengono presentati 4 tra gli oli più importanti e gettonati nel mercato della cosmetica.
I primi due oli appartengono alla famiglia delle ROSACEAE e sono rispettivamente:
La specie arborea, con un seme per frutto: il mandorlo o “Prunus amigdalus dulcis”
La specie arbustiva (Shrub), con più semi per frutto: la rosa selvatica
Entrambe le specie sono presenti nel bacino del Mediterraneo. Queste specie sono diffuse in tutto il globo terrestre. La simbologia che lega questi alberi all’uomo è molto potente ed entrambe le piante sono utilizzate per i loro frutti in molti campi di applicazione. Basti pensare all’applicazione dell’olio essenziale di rosa damascena per il settore dei profumi ed all’utilizzo delle mandorle dolci per la creazione di cibi e per l’alimentazione vegetariana.

Gli altri due oli appartengono alla specie delle SAPOTACEAE e sono rispettivamente due specie arboree:
L’Argania Spinosa, dal cui frutto si estrae il seme o noce di Argan
La Vitellaria Paradoxa, dal cui frutto si estrae il seme o noce di Karité
Queste specie sono native del continente Africano e non sono diffuse in altri continenti.
Entrambi questi oli sono importantissimi in quanto sono LEGATI all’attività contadina tradizionale delle donne africane e precisamente la raccolta e la produzione dell’olio. In Marocco per l’Argan le donne dei villaggi dei territori di Essaouria e Agadir vivono esclusivamente dell’economia legata a questo prodotto.
In Africa l’albero di karité chiamato albero della vita fornisce un olio alimentare per le popolazioni africane presenti nella fascia sub sahariana. Le donne sono delegate a fare la raccolta dei frutti e la preparazione dell’olio.
Entrambi i frutti di Argan e Karité hanno una polpa aromatica di grado alimentare che attira sia gli animali che gli umani e di cui si ciba gran parte della popolazione locale.

Della famiglia delle SAPOTACEAE seguirà una rubrica sulla noce di Pouteria Sapota che sta riscuotendo un notevole successo tra gli addetti del settore (COSMETICO). Il frutto del Sapote, a differenza dei fratelli Africani, cresce in Sudamerica ed ha una polpa ricca di vitamine che viene utilizzata nella preparazione di succhi.
Tutti i semi delle SAPOTACEAE presentano un solo seme per ogni frutto.
Come premessa volevo far notare che tutte queste quattro specie botaniche presentano non soltanto un interesse per l’olio estratto ma sono specie ampiamente coltivate.